Diversi fattori contribuiscono allo sviluppo e al mantenimento della sindrome dell’ovaio policistico (PCOS), che porta all’iperandrogenismo e all’anovulazione. Le cause principali sono: stile di vita sedentario, stress e un elevato apporto di carboidrati raffinati.

Queste cause sono strettamente intrecciate, dove l’ambiente influenza il sistema ormonale, le emozioni, le credenze, le abitudini e il DNA e viceversa. Sono profondamente radicati nel nostro stile di vita moderno. Il consumo eccessivo di carboidrati raffinati e la mancanza di attività fisica portano a livelli eccessivi di glucosio nel sangue. Ciò spinge il pancreas a rilasciare più insulina, che a sua volta influisce direttamente sulle ovaie e sulle ghiandole surrenali, stimolando la produzione di testosterone.

Il sistema di comunicazione chimica del corpo è governato dagli ormoni. Tutte le ghiandole del sistema endocrino sono interconnesse e ciò che colpisce una ghiandola inevitabilmente influisce anche sulle altre. Lo squilibrio degli ormoni sessuali prodotti dalle ovaie colpisce ed è influenzato da altre ghiandole. Le ghiandole surrenali sono responsabili della secrezione di cortisolo, l’ormone dello stress, mentre il pancreas produce insulina e la ghiandola tiroidea fornisce tiroxina.

La PCOS non è solo una condizione fisica; è una complessa interazione di fattori ambientali, ormonali e psicologici. Comprendendo questi fattori interconnessi, possiamo adottare misure per gestire la PCOS e migliorare il nostro benessere generale.


Eccesso di insulina nel pancreas

La dieta e uno stile di vita sedentario svolgono un ruolo fondamentale nello sviluppo della PCOS. Un'assunzione eccessiva di carboidrati raffinati influisce direttamente sulla produzione di insulina da parte del pancreas. Questa sovrastimolazione della produzione di insulina può portare a una dipendenza chimico-emotiva dal glucosio, una condizione che molti di noi sperimentano senza nemmeno rendersene conto.

L’alto indice glicemico di molti alimenti comunemente consumati aggrava ulteriormente questo problema, poiché innesca un aumento dei livelli di glucosio nel sangue. Ciò può esacerbare l’ansia, che, a sua volta, alimenta comportamenti alimentari compulsivi. Questo circolo vizioso ci intrappola in una relazione di dipendenza con lo zucchero, esacerbando gli squilibri ormonali metabolici che contribuiscono alla PCOS.

La produzione di testosterone in eccesso da parte del corpo è un tentativo di compensare l'eccesso di insulina circolante nel sangue. Questo meccanismo compensatorio può portare alla resistenza all’insulina e, in alcuni casi, al prediabete.

Affrontare la PCOS in modo efficace richiede un approccio globale che affronti sia lo stile di vita che i fattori dietetici. Riducendo l’assunzione di carboidrati raffinati, aumentando l’attività fisica e adottando abitudini di vita sane, possiamo liberarci dal ciclo dannoso dell’eccesso di produzione di insulina e testosterone, promuovendo la salute e il benessere generale.

 

Two women holding a package of Ginevitex in their hands

 

Comprendere e gestire l'eccesso di cortisolo

Lo stress cronico, fisico, mentale o emotivo, può portare a una sovrapproduzione di cortisolo da parte delle ghiandole surrenali. Questo costante aumento di cortisolo può interrompere i naturali processi di rigenerazione del corpo, mantenendolo in uno stato di “allerta”. Questa interruzione può avere un impatto significativo sull’equilibrio ormonale, influenzando in particolare i livelli di estrogeni e testosterone, sia nelle ovaie che nelle ghiandole surrenali.

Per ripristinare la normale funzionalità, è fondamentale affrontare le fonti di stress alla base, come ansia, angoscia, incomprensioni e svalutazione che le donne possono sperimentare nel loro ambiente. Questi fattori possono rendere ancora più difficile per le donne con squilibri ormonali ritrovare il senso di benessere.

Anche l’insulina può svolgere un ruolo in questo processo. Quando i livelli di insulina sono elevati, può stimolare le ghiandole surrenali a produrre testosterone prematuramente, portando a mestruazioni precoci e aggravando ulteriormente gli squilibri ormonali. ** Affrontando lo stress e gestendo i livelli di insulina, possiamo aiutare a ripristinare l'equilibrio ormonale e promuovere la salute e il benessere generale.

 

Eccesso di androgeni ed estrogeni nelle ovaie

Quando i livelli di ormoni maschili sono costantemente elevati, possono sopprimere la produzione di ormoni sessuali femminili, interrompendo il delicato equilibrio che determina un ciclo mestruale sano. Questo squilibrio ormonale può impedire il pieno sviluppo e la maturazione degli ovuli, portando a mestruazioni irregolari o assenti.

Nel caso della sindrome dell'ovaio policistico (PCOS), spesso c'è uno squilibrio tra estrogeni e progesterone, con livelli di estrogeni inferiori al normale. Questo squilibrio, insieme all’eccessiva produzione di androgeni e a un eccesso di estrogeni provenienti da inquinanti ambientali e contraccettivi ormonali, può complicare ulteriormente la situazione.

Lo stress può esacerbare il problema aumentando i livelli di prolattina, un ormone che normalmente raggiunge il picco durante la gravidanza e l’allattamento. L'aumento della prolattina può ulteriormente sopprimere l'ovulazione.

Gli ormoni androgeni possono essere convertiti in estrogeni, portando alla stimolazione cronica degli estrogeni. L'androstenedione, un precursore del testosterone e degli steroidi, è prodotto sia dalle ovaie che dalle ghiandole surrenali.

La presenza di inquinanti ambientali, noti come interferenti endocrini, può imitare gli effetti degli estrogeni nel corpo, rendendo difficile la produzione di progesterone sufficiente, un ormone cruciale per la regolazione del ciclo mestruale e la salute generale della donna.

L'uso di trattamenti ormonali, nonostante contengano progestinici, può peggiorare lo squilibrio ormonale. Gli estrogeni sintetici e il progesterone vengono infine metabolizzati dall'organismo come estrogeni, interrompendo ulteriormente il delicato equilibrio. Inoltre, il fegato si sovraccarica e il corpo fatica a eliminare gli steroidi in eccesso, portando ad un accumulo cronico di squilibri ormonali.

Purple chasteberry plants with a butterfly

Influenze culturali: barriere invisibili all'abbraccio della femminilità

Le influenze culturali possono avere un impatto profondo sul nostro benessere fisico, in particolare sulla nostra salute riproduttiva. Le norme sociali depotenzianti, la soppressione delle emozioni e la disconnessione dai ritmi naturali possono contribuire a squilibri nella funzione ovarica e nel ciclo mestruale.

I sentimenti negativi legati all’essere donna, come sentirsi repressi, subordinati o inferiori agli uomini, possono ostacolare l’attività ovarica e la regolarità mestruale. Questa resistenza inconscia ad abbracciare la femminilità può derivare da rabbia repressa, critica, senso di colpa, paura e sentimenti di dipendenza.

Quando le donne si sentono sopraffatte dalle pressioni esterne e credono di non avere alcun controllo sulle circostanze, le loro ovaie possono soffrirne. Ciò è particolarmente vero se percepiscono richieste eccessive poste su di loro che soffocano la loro creatività e realizzazione emotiva.

Il risentimento e il desiderio di vendetta, combinati con la convinzione di impotenza a cambiare o sfuggire a situazioni di abuso, possono ulteriormente mettere a rischio la salute delle ovaie. Il corpo risponde a questi carichi emotivi in ​​modo rapido e dannoso.

Ginevitex banner - woman standing in a row holding around each other

Microbiota intestinale

I nostri corpi pullulano di un numero incredibile di batteri, ognuno dei quali svolge un ruolo vitale nella nostra salute generale. Questi organismi microscopici, noti collettivamente come microbiota intestinale, sono essenziali per il mantenimento della corretta funzione metabolica e della salute del sistema immunitario.

 Un sano equilibrio dei batteri intestinali è fondamentale per prevenire una serie di problemi di salute, non solo problemi digestivi ma anche disturbi psicologici, ormonali e immunologici.

Lo sviluppo del microbiota intestinale inizia nel grembo materno, rendendo la salute materna fondamentale nel modellare il microbioma intestinale del bambino. Il tipo di batteri che colonizzano l'intestino del bambino è influenzato anche dal processo di parto e dalle pratiche di allattamento al seno.

Per nutrire e mantenere un microbiota intestinale sano, dobbiamo consumare cibi ricchi di probiotici e prebiotici. I probiotici sono batteri vivi che possono apportare benefici alla nostra salute se consumati in quantità sufficienti. Si trovano negli alimenti fermentati come yogurt, kefir e kombucha, nonché in alcuni integratori.

I prebiotici sono fibre non digeribili che servono da cibo per i batteri benefici nel nostro intestino. Sono abbondanti in frutta, verdura e cereali integrali. Incorporando una dieta ricca di probiotici e prebiotici, possiamo nutrire il nostro microbiota intestinale e sostenere il nostro benessere generale.

Sindrome metabolica

La sindrome metabolica è una condizione complessa caratterizzata da un insieme di sintomi che aumentano il rischio di sviluppare gravi problemi di salute, tra cui obesità, diabete, ipertensione e malattie cardiache.

La progressione della sindrome metabolica segue spesso uno schema ciclico: 

Iperglicemia (glicemia alta): Ciò si verifica quando le cellule del corpo diventano meno reattive all’insulina, un ormone che aiuta a regolare i livelli di zucchero nel sangue.

Iperinsulinismo compensatorio (produzione eccessiva di insulina): Il corpo cerca di compensare la resistenza all'insulina producendo più insulina.

Ipoglicemia reattiva (calo improvviso di zucchero nel sangue): Ciò si verifica quando la risposta insulinica del corpo compensa eccessivamente, portando a un rapido calo dei livelli di zucchero nel sangue.

Fame e stati d’animo fluttuanti: Questi sintomi sono causati dalle montagne russe dei livelli di zucchero nel sangue.

Se i cibi ad alto contenuto di zucchero vengono consumati ripetutamente, questo circolo vizioso può continuare, peggiorando la condizione.

L’eccessiva produzione di insulina favorisce l’accumulo di grasso, portando ad un aumento di peso e ad un’ulteriore resistenza all’insulina. Nel tempo, ciò può aumentare il rischio di sviluppare la sindrome metabolica e le complicanze ad essa associate.

La gestione della sindrome metabolica richiede un approccio globale che affronti i fattori legati allo stile di vita, come la dieta, l’esercizio fisico e la gestione dello stress. Apportando cambiamenti positivi in ​​queste aree, gli individui possono migliorare la propria salute generale e ridurre il rischio di sviluppare gravi problemi di salute.

Ginevitex natural supplement for hormonal balance

 

Infiammazione sistemica di basso grado: Uno stato cronico di infiammazione caratterizzato da elevati livelli di marcatori infiammatori nel sangue, spesso dovuti a scelte di vita non salutari, può portare a lungo termine alla sindrome metabolica.

Eccesso di insulina o iperinsulinismo: L’insulina, un ormone prodotto dal pancreas, svolge un ruolo cruciale nella regolazione dei livelli di zucchero nel sangue e nella gestione del metabolismo dei grassi. Dopo aver consumato il cibo, il glucosio entra nel flusso sanguigno, spingendo il pancreas a rilasciare insulina per trasportare questo glucosio nelle cellule per la produzione di energia o lo stoccaggio come glicogeno.

Tuttavia, nel caso della sindrome metabolica, il glucosio in eccesso può essere convertito in grasso a causa della resistenza all’insulina, una condizione in cui le cellule diventano meno reattive all’azione dell’insulina. Di conseguenza, il pancreas produce una quantità eccessiva di insulina per compensare, portando ad un circolo vizioso di resistenza all’insulina, produzione eccessiva di insulina e ulteriore accumulo di grasso.

Resistenza all'insulina: Le donne con PCOS spesso sperimentano resistenza all'insulina, indicando che i recettori dell'insulina delle loro cellule non rispondono in modo efficace a questo ormone. Questa resistenza richiede un livello più elevato di insulina per mantenere i normali livelli di zucchero nel sangue.

Diabete: Quando la produzione di insulina diventa insufficiente per superare la resistenza all’insulina, il pancreas si “esaurisce” e non riesce più a soddisfare la richiesta di insulina da parte dell’organismo, portando al diabete di tipo 2.

Obesità: L’eccesso di insulina non solo regola il glucosio ma influenza anche il metabolismo dei lipidi, favorendo l’obesità addominale. Questo grasso in eccesso non solo immagazzina energia ma agisce anche come un organo endocrino, producendo ormoni e tossine che possono aggravare ulteriormente la sindrome metabolica.

Rischio cardiovascolare: Livelli eccessivi di insulina possono contribuire all’accumulo di lipidi e proteine ​​nelle arterie, aumentando il rischio di malattie cardiovascolari.

Tumore endometriale: La PCOS è stata associata ad un aumento del rischio di cancro dell’endometrio, ma ciò non è dovuto esclusivamente all’ovulazione irregolare. Le donne con la triade ipertensione, diabete e obesità, caratteristica della sindrome metabolica, hanno una maggiore probabilità di sviluppare il cancro dell’endometrio.

Purple Chasteberry flower - Vitex agnus castus

Affrontare la PCOS: concentrarsi sui sintomi o sulle cause profonde?

Gli approcci medici convenzionali alla PCOS spesso si concentrano sulla gestione dei sintomi, come irsutismo, acne e periodi irregolari, con ormoni sintetici come contraccettivi ormonali o antiandrogeni. Questi trattamenti possono offrire un sollievo temporaneo, ma non risolvono gli squilibri ormonali sottostanti e i problemi metabolici che contribuiscono alla PCOS.

Sopprimere i sintomi con ormoni sintetici può mascherare il problema, ma spesso non affronta la causa principale. Infatti, l’uso di contraccettivi ormonali può peggiorare la resistenza all’insulina, un fattore importante nella PCOS.

Un approccio più olistico alla PCOS si concentra sul ripristino dell’equilibrio ormonale e sulla risoluzione dei problemi metabolici sottostanti. Ciò può comportare cambiamenti nello stile di vita come:

Cambiamenti nella dieta: Adottare una dieta sana ricca di cereali integrali, frutta, verdura e proteine ​​magre può aiutare a migliorare la sensibilità all’insulina e a ridurre l’infiammazione. ** Esercizio fisico regolare: impegnarsi in un'attività fisica regolare può aiutare a ridurre i livelli di insulina, ridurre il grasso corporeo e migliorare il benessere generale.

Gestione dello stress: Lo stress cronico può contribuire agli squilibri ormonali e al peggioramento dei sintomi della PCOS. L’implementazione di tecniche di riduzione dello stress come lo yoga, la meditazione o la respirazione profonda può aiutare ad alleviare lo stress e migliorare la salute generale.

Supplementi: Alcuni integratori, come mio-inositolo e D-chiro-inositolo, possono aiutare a migliorare la sensibilità all'insulina, ridurre i livelli di androgeni e regolare l'ovulazione.

Sebbene questi cambiamenti nello stile di vita possano richiedere più impegno e pazienza, possono offrire vantaggi a lungo termine per la gestione della PCOS e il miglioramento della salute generale.

Ricorda, la salute non riguarda solo l’assenza di malattie; si tratta di raggiungere uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale.

Affrontando le cause profonde della PCOS anziché limitarsi a trattare i sintomi, possiamo lavorare per una vita più sana ed equilibrata.

A pink background with rose pedals and roses in pink and white making the shape of an uterus

Come prevenire l'ovaio policistico?

Abbraccia la tua essenza femminile per la guarigione e l'integrità

Riconciliarsi con la propria natura femminile e abbracciarla pienamente può essere un viaggio trasformativo e profondamente curativo. Si tratta di riconoscere, onorare e celebrare le qualità uniche e i punti di forza inerenti all'essere donna.

Inizia approfondendo la comprensione e la connessione con la tua essenza femminile:

  • Informati: leggi libri, articoli e altre risorse che esplorano la psiche, la spiritualità e l'incarnazione femminile.

  • Dai priorità alla cura di te stesso: dedica tempo ed energia ad attività che alimentano e nutrono il tuo benessere fisico, emotivo e spirituale.

  • Abbraccia la sorellanza: unisciti o crea circoli o gruppi di donne in cui puoi connetterti con altre donne, condividere esperienze e costruire relazioni di sostegno.

  • Rivedi il tuo modello materno: rifletti sul tuo rapporto con tua madre e con altri modelli femminili. Identifica modelli, credenze e comportamenti che potrebbero ostacolare la tua espressione femminile.

  • Pratica il perdono e l’accettazione di te stesso: rilascia ogni risentimento o percezione di sé negativa che ti impedisce di abbracciare il tuo vero sé.

  • Risveglia la tua natura ciclica: onora i ritmi e il flusso naturali del tuo corpo esprimendo le tue emozioni in modo creativo, connettendoti con la natura e allineandoti con il tuo intuito.

  • Radicati nei ritmi della natura: immergiti nella bellezza e nell'energia del mondo naturale. Osserva le stagioni, le fasi lunari e le maree. Cammina a piedi nudi sulla terra, senti il ​​vento e il sole sulla tua pelle e connettiti con gli elementi dentro e intorno a te.

  • Migliora la tua intuizione e spiritualità: approfondisci la tua connessione con il tuo sistema di guida interiore. Ascolta i tuoi sentimenti viscerali, esplora le tue convinzioni spirituali e trova modi per connetterti con il divino femminile.

  • Stabilisci un ambiente sicuro e di supporto: crea un santuario in cui ti senti sicuro, nutrito e incoraggiato a esprimere pienamente la tua essenza femminile.

  • Fidati del tuo istinto da mammifero: ascolta i segnali del tuo corpo e rispondi ai suoi bisogni. Riconosci che il tuo sistema riproduttivo è influenzato dal tuo benessere generale e dall'ambiente.


Ricorda, abbracciare la tua natura femminile non significa negare o sopprimere le tue qualità maschili; si tratta di integrare entrambe le energie per creare un insieme armonioso ed equilibrato. Onorando la tua essenza femminile, ti apri a un mondo di creatività, connessione e pace interiore.

A woman with a purple skirt and bare tummy holding a branch of Vitex agnus castus in her hand. The logo of Ginevitex banner

Bilanciare i livelli di insulina con le scelte alimentari

Gestire i livelli di insulina è fondamentale per la salute generale, soprattutto per quelli con insulino-resistenza o PCOS. Raggiungere questo equilibrio implica fare scelte alimentari informate per regolare lo zucchero nel sangue e prevenire i picchi di insulina.

Comprendere l'indice glicemico (GI) 
L’indice glicemico (GI) è una misura della velocità con cui un alimento aumenta i livelli di zucchero nel sangue. Gli alimenti con un IG elevato causano un rapido picco di zucchero nel sangue, mentre quelli con un IG basso rilasciano il glucosio più lentamente.

Moderare l'assunzione di carboidrati
Un fattore chiave nella regolazione dei livelli di insulina è limitare i carboidrati raffinati, che hanno un IG elevato e possono portare a fluttuazioni dello zucchero nel sangue. Questi includono alimenti trasformati, bevande zuccherate e pane bianco.

Dai priorità ai carboidrati a basso indice glicemico
Concentrati invece sull’inclusione di carboidrati a basso indice glicemico nella tua dieta. Questi includono cereali integrali, frutta, verdura e legumi. I cereali integrali, come il riso integrale e la quinoa, contengono fibre, che rallentano l'assorbimento del glucosio nel flusso sanguigno.

Pasti più piccoli e più frequenti
Mangiare pasti regolari a intervalli regolari aiuta a mantenere stabili i livelli di zucchero nel sangue. Evita di saltare i pasti o di concederti spuntini a tarda notte, poiché questi possono portare a picchi di insulina.

Proteine: un alleato saziante
Includere proteine ​​in ogni pasto può aiutare a controllare la fame e ridurre i picchi di insulina. Le proteine ​​impiegano più tempo a essere digerite rispetto ai carboidrati, contribuendo a creare una sensazione di sazietà e a stabilizzare i livelli di zucchero nel sangue.

Incorpora acidi grassi Omega-3
Questi grassi essenziali, presenti nei pesci grassi come salmone, sgombro e sardine, hanno proprietà antinfiammatorie e possono migliorare la sensibilità all’insulina.

Affrontare gli squilibri della flora intestinale
Un microbioma intestinale sano svolge un ruolo vitale nella regolazione dei livelli di insulina. Gli squilibri nei batteri intestinali possono contribuire alla resistenza all’insulina e ai problemi metabolici. Probiotici e prebiotici possono aiutare a ripristinare l’equilibrio dei batteri intestinali e promuovere la sensibilità all’insulina.

Cerca una guida professionale
Se hai difficoltà a gestire i livelli di insulina nonostante i cambiamenti dello stile di vita, valuta la possibilità di chiedere consiglio a un operatore sanitario o a un dietista registrato. Possono valutare le vostre esigenze individuali e fornire consigli personalizzati.

Ricorda, bilanciare i livelli di insulina è un viaggio, non una soluzione rapida. Facendo scelte alimentari informate e affrontando i fattori legati allo stile di vita, puoi prenderti cura della tua salute e migliorare la sensibilità all’insulina per il benessere a lungo termine.

 

A bottle of Ginevitex laying in the flowers that the supplement is made of: Vitex agnus castus
 

 

Sfrutta il potere dei ritmi circadiani per una salute ottimale

Oltre a fare scelte alimentari sane, è altrettanto importante rispettare i ritmi naturali del proprio corpo per favorire il benessere generale.

Esposizione diurna consapevole alla luce naturale Prendere il sole direttamente è un modo fantastico per esporre il tuo corpo alla luce solare naturale, che agisce come un segnale all'ipotalamo e alla ghiandola pituitaria, influenzando l'ovulazione. Durante la sera, cerca di creare un ambiente di sonno buio e indisturbato per consentire una produzione ottimale di melatonina.

Evitare la stimolazione disturbante prima di andare a letto
Elimina la stimolazione audiovisiva ed elettromagnetica, come l'uso del telefono, del computer o della televisione prima di andare a dormire. Questi dispositivi emettono luce blu, che può interferire con la produzione di melatonina e disturbare il sonno.

Approfitta dei benefici della melatonina
La melatonina, un ormone rilasciato durante il sonno, svolge un ruolo cruciale nella regolazione dei ritmi naturali del corpo. Ha proprietà antiossidanti e supporta la salute metabolica. Con l’avanzare dell’età, la produzione di melatonina diminuisce, ma l’integrazione può aiutare a migliorare la qualità delle uova e aumentare la fertilità.

Rispettare il ritmo circadiano dell'assunzione di cibo
Allinea l'assunzione di cibo con i ritmi naturali del tuo corpo. Mangiare durante le ore diurne ed evitare spuntini a tarda notte. Approfittando del digiuno notturno naturale, gli studi hanno dimostrato che cenare presto e/o fare colazione tardi può offrire numerosi benefici per la salute.

Allineando consapevolmente il tuo stile di vita ai ritmi circadiani del tuo corpo, puoi promuovere la salute generale, aumentare la fertilità e migliorare la qualità del sonno.

A woman dancing on the beach with her arms over her head smiling

Scatena il tuo potere creativo attraverso l'esercizio fisico e la cura di te stesso

La creatività, simboleggiata dalle ovaie, è una parte intrinseca del tuo essere, indipendentemente dal tuo corpo fisico. Proprio come la creatività è una forza vitale nel mondo, è altrettanto essenziale per il tuo benessere. Dedica almeno un'ora ogni giorno o settimana per impegnarti in attività creative che risuonano con te. Ricorda, la creatività è un processo dinamico e in evoluzione, quindi esplora nuove strade e lascia che la tua immaginazione ti guidi.

L’esercizio fisico svolge un ruolo cruciale nella gestione della PCOS e nella promozione della salute generale. Stimola il metabolismo, migliora la digestione e la circolazione, aiuta nella disintossicazione, aiuta a ridurre i livelli di glucosio e insulina nel sangue e contribuisce alla perdita di peso. Inoltre, l’esercizio fisico può ridurre efficacemente i livelli di stress.

Quando scegli le attività fisiche, considera le tue preferenze e seleziona quelle che promuovono sentimenti di gioia e appagamento. Incorpora esercizi che completano il tuo ciclo mestruale e si allineano ai tuoi attuali livelli di energia. Abbraccia attività che promuovono la riduzione dello stress, come lo yoga, il chi-kung o il tai chi.

Per una salute ottimale e una gestione della PCOS, mirare ad almeno 30 minuti di esercizio fisico di moderata intensità, come camminare a ritmo sostenuto, nuotare o andare in bicicletta, per cinque giorni alla settimana. Se possibile, aumentare gradualmente la durata fino a 60 minuti.

Le tecniche specifiche che colpiscono le ovaie includono:

Yoga Tantra e Kundalini Yoga: Queste antiche pratiche indiane promuovono il rilassamento profondo, il flusso energetico e l'equilibrio ormonale.

Respirazione Ovarica del Tao: Originaria della medicina tradizionale cinese, questa pratica prevede respirazione e visualizzazioni specifiche per migliorare la salute delle ovaie.

Sistema di Respirazione Ovarica dell'Alchimia Femminile: Sviluppato da Sajeeva Hurtado, questo sistema guida le donne attraverso una serie di esercizi per stimolare e armonizzare la funzione ovarica.

Danza del ventre: Questa forma di movimento ritmica ed espressiva non solo rafforza i muscoli addominali ma promuove anche la liberazione emotiva e il benessere generale.

Incorporando esercizio fisico regolare, espressione creativa e pratiche di cura di sé nella tua vita, puoi sfruttare l'energia vitale delle tue ovaie, promuovere la salute generale e coltivare una connessione più profonda con il tuo sé autentico.

Woman in white standing on a cliff doing a yoga asana


Vitamine, minerali e piante che aiutano nella sindrome dell'ovaio policistico

Vítex agnus castus, o Chasteberry, aiuta sia a invertire tutti i sintomi della PCOS sia le cause che li generano, in modo sicuro e naturale.

Questa bellissima pianta mediterranea è una grande alleata per la salute delle donne. Già Ippocrate lo consigliava nell'Antica Grecia. È catalogato dall’Agenzia Europea per i Medicinali come pianta medicinale e la sua tintura come “uso tradizionale”.

Agisce sull'ipofisi, un organo neuroendocrino situato alla base del cervello, responsabile del controllo della produzione ormonale, sia ormoni sessuali femminili da parte delle ovaie che insulina da parte del pancreas. Aiuta a correggere i disturbi ormonali che causano la maggior parte dei problemi ginecologici.

Nel caso della PCOS: eccesso di insulina, testosterone ed estrogeni e carenza di progesterone. Aiuta a regolare il ciclo mestruale, lo sviluppo e la maturazione degli ovociti e migliora la fertilità nelle donne con diagnosi di PCOS. Il suo utilizzo è compatibile con altre vitamine, minerali e vegetali (li abbiamo descritti in precedenza).

 

GINEVITEX® Integratore alimentare che agisce come REGOLATORE ORMONALE NATURALE

GINEVÍTEX ® è una tintura ecologica naturale al 100% realizzata con amore con ingredienti di altissima qualità provenienti dalla Spagna: frutti, foglie ed essenza floreale della pianta Vítex agnus castus o Agnocasto e vinaccia biologica.

Come usare: Si consiglia l'assunzione di 1 ml al giorno, sciogliendo le gocce in acqua o succo. Si assume ogni giorno in 1 o 2 dosi, prima di colazione e cena.

L'azione regolatoria migliora nel tempo, si consiglia di assumerla per almeno 6 mesi.

A woman putting drops of Ginevitex in a glass with a pipette


Incorporare nutrienti specifici nella dieta può avere un impatto significativo sulla gestione della PCOS. Ecco uno sguardo più da vicino ad alcuni degli integratori più benefici:

Calcio, vitamina D3 e vitamina K: Questi nutrienti lavorano insieme per migliorare l’equilibrio ormonale e ridurre lo stress ossidativo dannoso.

Acido folico: È stato dimostrato che l’integrazione di folati contrasta i fattori infiammatori e lo stress ossidativo associati alla PCOS.

Acido alfa lipoico: Questo potente antiossidante aiuta a regolare i livelli di zucchero nel sangue e supporta la sana funzione dell’insulina.

Curcuma: Una ricca fonte di curcumina, la curcuma presenta potenti proprietà antinfiammatorie e antiossidanti, aiutando a ridurre la resistenza all'insulina.

Cannella: Questa spezia saporita vanta un notevole effetto antinfiammatorio e abbassa significativamente i livelli di insulina nelle donne con PCOS.

Stevia: Dolcificante naturale con proprietà antidiabetiche, la stevia può essere utilizzata come alternativa allo zucchero senza gli effetti negativi degli zuccheri raffinati.

Vitamina E + acidi grassi Omega-3: Questi nutrienti migliorano i profili lipidici e riducono lo stress ossidativo, contribuendo alla gestione complessiva della PCOS.

Magnesio, zinco e cromo picolinato: Questi minerali lavorano in sinergia per combattere lo stress ossidativo e promuovere un sano equilibrio ormonale.

Selenio: È stato dimostrato che l’integrazione di selenio migliora il metabolismo dell’insulina, i livelli di trigliceridi e i livelli di lipoproteine ​​​​a densità molto bassa (VLDL).

Ricorda, la PCOS è un viaggio che dura tutta la vita e trovare ciò che funziona meglio per te può comportare tentativi ed errori. Sii paziente con te stesso e cerca il supporto di professionisti sanitari e risorse affidabili per affrontare le complessità della gestione della PCOS. Con compassione e scelte informate, puoi potenziare te stesso per gestire i tuoi sintomi e ottenere una vita più sana e appagante.

Fonte: https://ginevitex.com/sindrome-de-ovarios-poliquisticos-sop/

Susann Ottesen

Dì ADDIO AGLI SQUILIBRI ORMONALI!

A 30ml bottle of Ginevitex food supplement with a branch of the plant Vitex agnus castus laying in front and the package box on the side
A woman with long brown hair holding the glass pipette from the Ginevitex elexir, and dropping the elixir into a beautiful glass

Riequilibra i tuoi ormoni con Ginevítex®

Ginevítex® è un integratore naturale per l'equilibrio ormonale grazie al suo estratto liquido di Vitex agnus castus, un'erba medicinale mediterranea nota per la sua capacità di regolare gli ormoni in modo naturale. Ginevítex® è prodotto in Spagna

Come può Ginevítex® aiutarti con i tuoi problemi ginecologici?